Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Proposte sensate (ma anche fantasiose) per creare la linea o la rete che vorresti...

Moderators: Hallenius, teo

Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby luca » Mon 17 April 2017; 17:02

Molto ma molto fanta, immaginando che le regioni in questione siano disposte a spendere qualche lira per il trasporto ferroviario
Quale sarebbe la maniera migliore, e più economica, di organizzare i servizi nella Bassa Lombarda, e nelle zone del Basso Piemonte Occidentale, dell'alta Emilia Orientale e dell'entroterra Ligure
La mia idea è grossomodo questa
LATO MORTARA (in un mondo fantastico nel quale il doppio binario raggiunge Mortara da Albairate)
S9 Saronno-tutte-Cintura-Milano San Cristoforo
S16 Cintura-Milano San Cristoforo-tutte-Mortara (ogni 15' fino a Vigevano; ogni 30' fino a Mortara)
R Milano Porta Genova-Milano San Cristoforo->Abbiategrasso-Vigevano->Mortara-tutte-Alessandria (ogni 60')
RE Milano Porta Genova-Milano San Cristoforo->Abbiategrasso-Vigevano->Mortara->Valenza->Alessandria (ogni 60')
LATO PAVIA (in un mondo fantastico nel quale la Milano-Pavia è quadruplicata e in cui tutti gli S2 vanno a Meda)
PAVIA SUD OVEST
S2 Meda-tutte-Pieve Emanuele
S13 (Garbagnate Parco Groane-tutte)-Milano Bovisa-Pavia (la tratta da Garbagnate... non saprei se sarebbe una cosa costruttiva)
R Milano Greco-Stradella invariati (ma ogni 60' anche domenica e con un arco di servizio decente)
R Milano Centrale-Milano Lambrate->Milano Rogoredo->Pavia-tutte-Tortona-tutte-Alessandria (ogni 60')
R Voghera-tutte-Novi Ligure (ogni 60')
RV Milano Centrale-Milano Lambrate->Milano Rogoredo->Pavia->Voghera->Tortona->Arquata Scrivia->Ronco Scrivia->Genova Principe (ogni 60')
PAVIA SUD EST
R Pavia-tutte-Codogno-tutte-Cremona/Piacenza (ogni 30' fino a Codogno poi ogni 60' su Piacenza e ogni 60' su Cremona)
R Voghera-tutte-Piacenza-tutte-Parma
RE Asti->Alessandria->Tortona->Voghera->Stradella->Castel SG->Arena Po->Piacenza (ogni 60' coincidenza a Voghera coi R Milano-Alessandria)
BASSA CREMONESE E DINTORNI
R Brescia-tutte-Cremona-tutte (vecchia linea ormai chiusa)-Piacenza (ogni 60')
R Cremona-tutte-Mantova (ogni 60' fino a Piadena e ogni 120' per Mantova)
R Parma-tutte-Mantova (ogni 60' fino a Piadena e ogni 120' per Mantova, sfruttando il nodo di Piadena per avere una soluzione Cremona-Mantova lenta e Mantova-Parma lenta, con i rispettivi ritorni, ogni 60')
R Brescia-Piadena

Apparentemente questo RE Asti-Piacenza potrebbe non avere molto senso, ma considerate che:
Questa ipotesi prevede la soppressione dei RE Milano-Alessandria via Pavia per far posto ai Liguria ogni 60', deviando così il servizio veloce Milano-Alessandria via Mortara, la strada più breve, ma verrebbe comunque mantenuta la possibilità di farlo via Voghera, con cambio
Attualmente, il servizio veloce Voghera-Piacenza è composto da un'accozzaglia di treni più o meno casuali con origini e destinazioni assurde (tipo il 2888 Genova Principe 17:44-Rimini 23:38, con tratti in cui fa il RV e tratti in cui sostituisce un locale inesistente, pazzesco!)
Attualmente, non c'è un buon modo di fare Milano-Asti, cosa che invece sarebbe possibile cambiando a Voghera dai R per Alessandria ai RE Piacenza-Asti
La fermata ad Arena Po è giustificata dal fatto che i Greco-Piacenza via Stradella verrebbero soppressi (attualmente, incasinano solo le turnazioni del materiale, e la chiarezza del servizio, treni che fanno i R fino a Stradella per poi diventare dei RE, che servono solo ad accontentare l'utenza di nicchia perchè "c'è il treno per Milano" quando uno di Arena Po fa molto prima a cambiare a Piacenza che a prendere quei (due) treni)
Il prolungamento dei R Voghera-Piacenza a Parma permetterebbe di creare un servizio lento fra Piacenza e Parma, di poter sfruttare il nodo di Voghera per le destinazioni lato Pavia sud Ovest anche a chi viene dal Parmense, sempre in un ottica di soppressione dei vari RV strani Emilia-Liguria via Stradella

Le vostre idee?
Che uomo straordinario, quello che ha scritto l'orario
Poco ma sicuro, conosce il futuro molto di più
Di tanti profeti di un tempo che fu
(G.Rodari)
User avatar
luca
 
Posts: 9292
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco)/Bolzano

Re: (Molto fanta) Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby mattecasa » Mon 17 April 2017; 17:31

Rispondo riguardo il quadrante cremonese: lascia stare gli spezzatini. È meglio fare Brescia-Parma ogni ora ( sottovaluti la domanda Brescia-Casalmaggiore). Anche i Cremona-Mantova ogni ora mentre Mantova-Parma si può (anzi si deve) fare via Suzzara. Ergo Mantova-Suzzara-Parma da svolgere in parte su rete FER. Il tutto cadenzato ogni ora. Aggiungo (anche per interesse personale, essendo pendolare di quella linea) una relazione Cremona-Fidenza-Parma ogni ora, senza bus sostitutivi.
Freedrichstrasse
User avatar
mattecasa
 
Posts: 4331
Joined: Sun 11 May 2014; 13:20
Location: Provincia di Parma

Re: (Molto fanta) Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby Astro » Mon 17 April 2017; 20:24

La tua Milano - Mortara mi lascia parecchio perplesso. Hai una sovrabbondanza di offerta tra Vigevano ed Abbiategrasso, con ben tre livelli di servizio, ma poi Parona non se la fila nessuno.
Io direi piuttosto di avere una S a 30' (che tanto da lì ad Abbiategrasso non c'è abbastanza gente da giustificare un servizio ogni 15') e un regionale Milano - Abbiategrasso - tutte - Alessandria. A Mortara coincidenza affidabile per Asti tutto il giorno, cosa che leverebbe dalle palle pure i bus Casale Monferrato - Famagosta.
Oppure la S a Vigevano e diretto Milano - Vigevano. Di sicuro la S a Mortara no, diventa troppo lunga.
Astro
 
Posts: 3908
Joined: Mon 26 November 2012; 14:55
Location: Z314 Z315

Re: (Molto fanta) Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby luca » Mon 17 April 2017; 21:27

Lo sapete che non mi piacciono le S lunghe (preferisco i carrefour :mrgreen: :divano: ) ,ma ho sempre considerato Mortara come un nodo "da S" tipo Pavia, Saronno o Gallarate.
Ultimamente inizio a pensare che S6 vada bene a Novara, e che S1 andrebbe allungata a Codogno. Non si tratta di linee smisuratamente lunghe, come S7 ,S8, S11 e S5 lato Varese, si ottiene solo il beneficio di avere più destinazioni con un solo cambio, in oltre va considerato che Abbiategrasso e Vigevano hanno un bacino d'utenza abbastanza importante, direi al pari di Vanzago o Melzo.
Parona non è vero che non se la filerebbe nessuno. Avrebbe un treno ogni 30' ,vale a dire, sulle corse base, il doppio di oggi.
Più che altro ci si prenderebbe 10' di percorrenza verso Milano, questa sarebbe una pecca, ma limitata a Parona e basta
Che uomo straordinario, quello che ha scritto l'orario
Poco ma sicuro, conosce il futuro molto di più
Di tanti profeti di un tempo che fu
(G.Rodari)
User avatar
luca
 
Posts: 9292
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco)/Bolzano

Re: (Molto fanta) Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby Astro » Mon 17 April 2017; 22:06

Su 4 fermate ne fai solo 3? Non mi sembra molto logico saltarne solo una.
Astro
 
Posts: 3908
Joined: Mon 26 November 2012; 14:55
Location: Z314 Z315

Re: (Molto fanta) Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby mattecasa » Mon 17 April 2017; 23:51

S1 a Codogno? Per carità!
Freedrichstrasse
User avatar
mattecasa
 
Posts: 4331
Joined: Sun 11 May 2014; 13:20
Location: Provincia di Parma

Fanta Voghera

Postby teo » Tue 26 September 2017; 10:38

Riesumo questo topic limitando una mia idea alla zona di Voghera.
1 treno ogni ora Milano-Pavia-Voghera-Tortona-Novi Ligure-(Serravalle Scrivia)-Arquata Scrivia-Ronco Scrivia-Genova-(eventuali estensioni a ponente o levante)
1 treno ogni ora che parte dopo arrivo Milano-Genova da Pavia e fa tutte le fermate fino ad Alessandria ripristinando magari qualche stazione chiusa lungo la tratta. In punta se non tutto il giorno estendibile a Milano
1 treno ogni ora Piacenza-Voghera in coincidenza con i treni provenienti da Pavia e Tortona.
teo
Moderatore
 
Posts: 20098
Joined: Sat 30 September 2006; 11:18

Re: Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby luca » Wed 26 May 2021; 10:34

Mi è venuta quest'idea, pensando al quadruplicamento della Pavia
L'altro giorno, leggevo dei dati piuttosto sconfortanti (non ricordo dove, però) sull'utilizzo effettivo dei R Pavia-Alessandria da qui ho pensato al fatto che, a salvare molte linee, è spesso stata l'eliminazione della rottura di carico verso Milano
In uno scenario con quadruplicamento della Milano-Pavia, mi vedo un servizio impostato più o meno così (considerata frequenza 60' su tutte le linee)
-R35 Milano (Garibaldi-Cintura nord-Lambrate?)-Pavia-Torreberetti-Alessandria, con Flirt Bitensione a 3 pezzi (analoghi a quelli della VdA)
-Nuova linea RE (RE41 forse è brutto come nome) Piacenza->Stradella-tutte-Voghera, che assorba gli attuali treni a casaccio di Trenitalia
-R34 Piacenza-Pavia
-Nuova linea R (R33?) Milano (Greco?)-Pavia-tutte-Arquata Scrivia, che assorba anche i rinforzi della punta attuale
-R33+R34=Frequenza 30' fra Pavia e Bressana Bottarone (partenze da Pavia indicativamente a 05\35, dove i xx:05 vengono da Milano e vanno ad Arquata, e circolano in coda ai RE13 fra Rogoredo e Pavia, ed i xx:35 partono da Pavia (in coincidenza con l'arrivo da Milano indicativamente a xx:30 dei R35 Milano-Torreberetti-Alessandria). Le corse in partenza a :35 da Pavia dovrebbero essere a Piacenza intorno al minuto :50, quando che mai la regione Emilia Romagna si decidesse a sistemare quelle orride partenze anti-nodo dei Regionali, il nodo di Piacenza funzionerebbe bene.
-R37 Pavia-Cremona. Riassorbendo le varie corsette fra Cremona e Codogno, e cercando di mettere una pezza e un po' d'ordine al dualismo Codogno-Casalpusterlengo. I RE potrebbero fare solo Codogno e trovare successivamente la R37 in partenza per Codogno-Pavia, ma questa è una cosa troppo specifica di cui discutere parlando di ipotesi basate sull' aria fritta
Per quanto riguarda il materiale, urge una svecchiata ma in maniera oculata. Sinceramente, non capisco i GTW a 4 pezzi sulle Diesel di Pavia, mi sembrano decisamente sovradimensionati.
Invece, sarebbe carino capire se avrebbe senso dotare Pavia di una flotta composta esclusivamente da Flirtini Diesel-Elettrici a tre pezzi, per una flessibilità veramente massima, e per utilizzare la doppia tensione su due di queste nuove linee: Milano-Torreberetti e Pavia-Cremona, ed eventualmente avere la possibilità di comporre treni a sei pezzi se ce ne fosse il bisogno.
Un'altra cosa, sarebbe la prima classe. Non costa praticamente nulla in più, in fase di acquisto del materiale, disporre un piccolo spazio di 1°classe, a patto che sia fisico e ben riconoscibile (sul Caravaggio sono stati appesi degli adesivi con scritto "L1" nella grafica TN sotto al finestrino di alcuni sedili identici agli altri. Lo trovo inaccettabile, per non dire "una presa per i fondelli", oltre che non comprensibile ai più.
In ogni caso, nella "mia" impostazione, ci sarebbero linee Regionali a collegamento dei Capoluoghi, come Pavia-Piacenza e Pavia-Cremona. Sicuramente, essendo dei R e non dei RE, non ci si può aspettare che diventino il mezzo di trasporto preferito fra questi capoluoghi, però, dotare di una prima classe questi treni potrebbe servire ad aumentare un minimo i ricavi da traffico, oltre al fatto che fra Pavia e Milano, i R correrebbero insieme ai RE, che dovrebbero assolutamente avere una prima classe, e in questo modo l'offerta di treni veloci fra R e RE fra Milano e Pavia sarebbe omogenea
In oltre, quello che penso del collegamento verso la Liguria, può essere molto unpopular opinion, ma credo che gli attuali IC dovrebbero essere degli IR, a tariffa integrata, mantenendo invariata la loro impostazione in ambito Ligure (possibilmente, anche se mi rendo conto sia difficile, aggiungendo dei Ventimiglia-La Spezia ogni 120', messi a frequenza 60' con quelli da Milano, in modo da avere sempre una soluzione IR ogni 60' fra Milano-Ponente, Milano-Levante, Ponente-Levante) , e aggiungendo Ronco ,Arquata, e facendo sempre sia Voghera che Tortona, che i RE attuali vadano soppressi, e lascino libero il corridoio ogni 60' per la RE13 Milano-Alessandria, e che il servizio LP per la Liguria vada passato a mercato, con treni veramente veloci e comodi, ma questo è un altro discorso. Quello che importa, per questo scenario, è che in fin dei conti, i capiluogo siano collegati direttamente, che la linea più scarica riesca ad arrivare a Milano senza rotture di carico, e che il materiale sia il più adatto ai carichi, ma il più flessibile possibile dal punto di vista gestionale
Che ne pensate?
Che uomo straordinario, quello che ha scritto l'orario
Poco ma sicuro, conosce il futuro molto di più
Di tanti profeti di un tempo che fu
(G.Rodari)
User avatar
luca
 
Posts: 9292
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco)/Bolzano

Re: Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby S-Bahn » Wed 26 May 2021; 11:15

Scusa l'ignoranza, dove c'è la doppia tensione?
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 52439
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby luca » Wed 26 May 2021; 11:26

Forse mi sono espresso male, intendevo usare dei treni bitensione, in modo da fare Alessandria-Pavia in diesel e Pavia-Milano in elettrico, e Pavia-Casalpusterlengo in diesel e Casalpusterlengo-Cremona in elettrico
Che uomo straordinario, quello che ha scritto l'orario
Poco ma sicuro, conosce il futuro molto di più
Di tanti profeti di un tempo che fu
(G.Rodari)
User avatar
luca
 
Posts: 9292
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco)/Bolzano

Re: Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby Hallenius » Wed 26 May 2021; 12:28

Treni bimodali, non bitensione.
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1619
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby dedorex » Wed 26 May 2021; 13:02

luca wrote:Mi è venuta quest'idea, pensando al quadruplicamento della Pavia...
..-R35 Milano (Garibaldi-Cintura nord-Lambrate?)-Pavia-Torreberetti-Alessandria, con Flirt Bitensione a 3 pezzi (analoghi a quelli della VdA)
-Nuova linea RE (RE41 forse è brutto come nome) Piacenza->Stradella-tutte-Voghera, che assorba gli attuali treni a casaccio di Trenitalia
..

non ho guardato in dettaglio, ma questo punto mi perplime: oggi gli Stradella, se non fallo, arrivano a Milano, al contrario del Torreberetti.
Tu vorresti mettere una rottura di carico ai primi e toglierla ai secondi??
User avatar
dedorex
 
Posts: 4156
Joined: Thu 06 July 2006; 17:12

Re: Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby luca » Wed 26 May 2021; 14:24

Si (FaccinaDivano)
Sarebbe chiaramente da vedere dove hanno interesse ad andare i passeggeri fra Stradella e Pinarolo Po, queste sono tutte idee basate su nessun dato specifico, ma nel mio scenario, la tratta Stradella-Bressana Argine, perde Milano ma guadagna Piacenza.
Sostanzialmente, mi sono immaginato la tratta Pavia-Torreberetti come una seconda Molteno. E l'idea in generale, era quella di collegare direttamente Pavia a Cremona e Piacenza
Tendenzialmente, non mi piace per nulla quando ci sono due servizi che congiungono un punto A ed un punto B, ma uno dei due servizi ha tempi di percorrenza biblici, però è chiaro che il rilancio della Molteno sia passato in primis attraverso l'aumento della frequenza e il collegamento diretto coi due poli attrattori, Lecco e Milano. Poi, il rinnovo della flotta è stato anche importante, chiaramente.
In quest'ottica, non mi fa impazzire avere dei RE e dei R Milano-Alessandria, via Pavia, nel momento in cui i R impiegherebbero forse un'ora in più dei RE, e l'obiettivo a lungo termine dovrebbe essere quello di eliminare questo dualismo, così come auspico che una volta elettrificata la Como-Lecco, la S7 vada a terminare a Molteno. Però, nell'idea di una "Molteno bis", un passeggero di Sairano, si troverebbe un servizio diretto per Milano, ma non perderebbe ne Alessandria e ne Pavia, possibilmente anche con qualche corsa in più. Sarebbe una piccola rivoluzione.
All'interno del mio "detestare" i percorsi lungo A-B la via più lenta, laddove questa è eccessivamente lenta, nell'idea di collegare Pavia a Piacenza, azzarderei a lasciare la attuale linea da Stradella, attestata a Pavia, nel momento in cui il nuovo servizio per Arquata, assicura ugualmente a Bressana e San Martino, il servizio su Milano, anche se una corsa su due (vero che anche gli spezzatini non mi fanno impazzire, ma...tutto non si può avere)
Che uomo straordinario, quello che ha scritto l'orario
Poco ma sicuro, conosce il futuro molto di più
Di tanti profeti di un tempo che fu
(G.Rodari)
User avatar
luca
 
Posts: 9292
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco)/Bolzano

Re: Riorganizzazione servizi R/RE della Bassa

Postby dedorex » Wed 26 May 2021; 15:13

Io al mattino gli Stradella li vedo pieni. E comunque mi diventa alquanto difficile credere che dal lato di Stradella ci siano meno passeggeri rispetto alla parte più a Ovest.
Ciò non toglie che si possa pensare a servizi aggiuntivi, ma togliere un collegamento diretto su un'area come Milano, per metterne uno tra Pavia e Piacenza mi suona alquanto strano
User avatar
dedorex
 
Posts: 4156
Joined: Thu 06 July 2006; 17:12


Return to Fanta-MSR

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 6 guests